Taurasi

Grande vino rosso da cucina importante, il Taurasi viene prodotto nella zona che fiancheggia sui due lati il corso del fiume Sabato e l'autostrada Napoli-Bari, nel tratto compreso fra Avellino e Montefredane. Siamo nel cuore dell'lrpinia e il vino, tutelato dalla DOCG, prende il nome del centro più importante di produzione, la cittadina di Taurasi. Il vitigno è l'Aglianico, la cui coltivazione è estesa in tutto il nostro Meridione dal Vesuvio all'Adriatico. I vigneti sono tutti, o quasi, a doppio Guyot, con una densità di 5000 piante per ettaro e una resa di quattro chilogrammi d'uva a ceppo.

La vinificazione avviene generalmente in purezza, cioè senza aggiunte, anche se il disciplinare consente un 15% di altre uve a bacca rossa. La fermentazione viene svolta in acciaio, ma il vino passa poi, per i tre anni di invecchiamento obbligatorio (quattro per il tipo Riserva), a maturare in botti grandi e in barrique. Alcuni produttori uniscono alla fine le due partite in percentuale varia (di solito 60% dalla barrique e 40% dalla botte). A questo punto, dopo un periodo di affinamento in bottiglia, il vino è pronto per il consumo. Dotato di grande struttura, può invecchiare in cantina ancora una decina d'anni e anche più nelle annate migliori.

Caratteristiche

    • Colore: Rosso

Piatti da abbinare

Vino da grande invecchiamento, il Taurasi va conservato con la bottiglia orizzontale, stappato qualche ora prima del consumo, decantato in caraffa e servito a temperatura ambiente, I piatti con cui si abbina sono i grandi arrosti di carni rosse, il pollame nobile, la selvaggina e i formaggi stagionati e piccanti.

Visiona tutti i vini in Campania .